BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Report mensile sui mercati

23 ottobre 2019

Ottobre 2019

Monthly News - Banca Intermobiliare

L’euforia registrata in scia all’avvicinamento tra Cina ed USA sulle trattative commerciali, le aspettative di un accordo sulla Brexit e la stagione delle trimestrali che si è aperta con indicazioni positive dalle grandi banche d’affari di Wall Street, sostengono i mercati finanziari.

Dopo quindici mesi di trattative sulla trade war che tiene in scacco la crescita globale, con i negoziati tra i due paesi che si erano interrotti a maggio, è finalmente arrivata alla Casa Bianca la prima stretta di mano tra il capo delegazione cinese, il vice premier Liu He, e il presidente Trump che sancisce un mini-accordo. La Cina ha dichiarato di voler svolgere ulteriori colloqui per stabilire i dettagli della cosiddetta “Fase 1”, prima di finalizzare un accordo scritto che verosimilmente potrebbe essere raggiunto a novembre in Cile in occasione del vertice di cooperazione Asia-Pacifico (Apec).

Notizie positive anche sul fronte Brexit dove, dopo quasi tre anni di trattative e diversi tentativi falliti, è stata finalmente raggiunta l’intesa tra l’Unione europea e il Governo britannico su un percorso concordato per l’uscita del Paese dall’Unione.
Un piano che ha visto il favore anche del Parlamento britannico che, tuttavia, tramite un emendamento ha chiesto una proroga della Brexit. La situazione in vista della scadenza del 31 ottobre resta quindi ancora molto incerta, anche se salgono le probabilità che la UE possa accettare un rinvio, soluzione che potrebbe essere comunque vista in modo positivo dai mercati in quanto allontana lo spettro del no-deal.

L’attuale scenario di fondo dipinge un quadro mediamente positivo: riduzione del rischio derivante dai due principali catalyst geopolitici, reporting season del terzo trimestre negli Stati Uniti, che si è aperta con risultati migliori del previsto per oltre l’8o% delle società, misure di stimolo monetario delle Banche Centrali, che continueranno a fornire il supporto necessario per sostenere la crescita e riportare l’inflazione verso il target. L’attenzione dei mercati tornerà adesso a concentrarsi sui fondamentali macroeconomici per provare a cogliere i primi segnali di un’inversione di tendenza rispetto al trend ribassista degli ultimi mesi. Per il momento l’attività economica resta debole, come confermato dal FMI che ha rivisto al ribasso le stime sulla crescita globale per il 2019 al 3% (dal 3,3% delle stime di primavera), così come per gli USA (2,4%) e l’Area euro (1,2%), con un’attività manifatturiera che non si vedeva così debole dai tempi della crisi finanziaria del 2008-2009.
Con il ciclo economico verosimilmente nelle fasi finali, l’assenza di prospettive di miglioramento sostenibile della crescita e i bassi prezzi delle materie prime, l’inflazione globale continua a muoversi intorno al 2% e resta inferiore al target in pressoché tutti i Paesi. In questo contesto, la maggior parte delle Banche Centrali ha concretizzato la svolta espansiva preannunciata durante l’estate, con un nuovo taglio dei tassi della Fed, un pacchetto composito di misure espansive della BCE e tagli dei tassi in buona parte dei Paesi Emergenti.

Sul mercato obbligazionario gli spread corporate si sono allargati, guidati dai segmenti di rating più basso e più sensibili al deterioramento dell’attività economica; il lancio del QE-Infinity ha tuttavia supportato la sovraperformance dei titoli europei, con il rendimento del Btp che rimane saldamente sui livelli minimi storici sotto l’1%.
Infine, sul mercato azionario gli indici statunitensi si mantengono in prossimità dei massimi storici, supportati da una spesa per consumi molto robusta e da un tasso di disoccupazione ai minimi storici al 3,5%. In Europa i listini distano solo pochi punti percentuali dai massimi recenti con il posizionamento degli investitori che si mantiene generalmente scarico e difensivo, con il maggior premio per il rischio politico e commerciale che pesa sul posizionamento e le valutazioni.


Torna all'archivio Report mensile sui mercati Stampa
BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Disclaimer

Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento hanno finalità promozionale e non sono da intendersi come ricerca in materia di investimenti ai sensi degli artt. 27-28 del Regolamento della Banca d'Italia e della Consob (cd Regolamento Congiunto) né mira a fornire raccomandazioni di cui agli artt. 69 e seguenti del Regolamento 11971/99 e successive modifiche.
Il documento non fornisce raccomandazioni personalizzate riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Le informazioni contenute non costituiscono proposta di vendita o invito ad operare e non si rivolgono ad alcun soggetto specifico. Le informazioni sono state elaborate da Banca Intermobiliare sulla base di fonti ritenute attendibili ma della cui accuratezza e completezza Banca Intermobiliare non può essere ritenuta responsabile. Le informazioni fornite sono valide esclusivamente con riferimento alla data nella quale sono state prodotte. Occorre pertanto verificare le informazioni prima di agire in seguito alle stesse.

BIM declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nei documenti.

Le informazioni devono essere usate soltanto per scopi informativi privati del lettore e non costituiscono un'analisi di tutte le questioni trattabili. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l'investitore dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.

È consentito scaricare sul proprio computer i report o le informazioni in esso contenute e stamparne copia esclusivamente per uso personale e non commerciale, a condizione che non siano alterate le avvertenze relative a marchi commerciali o altri diritti proprietari. È vietato trasferire, trascrivere, distribuire o riprodurre le informazioni o creare un link al sito senza il preventivo accordo di Banca Intermobiliare S.p.a.

Ogni forma di alterazione, parziale o integrale, è da ritenersi vietata.

Confermo di avere letto il disclaimer