BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Report mensile sui mercati

13 maggio 2020

Maggio 2020

Monthly News - Banca Intermobiliare

Dalla Fase 1 dell’emergenza sanitaria alla Fase 2 della ripartenza e contenimento


L’escalation del supporto di politica economica, monetaria e fiscale, ed i primi segnali di picco del contagio in Europa hanno permesso ai mercati finanziari di superare la fase acuta di stress che ha caratterizzato gran parte del mese di marzo ed il mese di aprile si è così concluso all’insegna del ritorno alla propensione al rischio. Alcuni benchmark, come l’S&P 500, il Nasdaq ed il credito corporate investment grade USA, hanno registrato il più forte rally mensile degli ultimi 30 anni, ben superiore rispetto al rimbalzo dopo la crisi del 2008-2009, anche se arrivando da una discesa molto più rapida. A livello globale, l’equity ha recuperato circa il 10% dai minimi di marzo ed i settori ciclici hanno complessivamente sovraperformato quelli difensivi, ma scendendo più nel dettaglio si trovano numerosi elementi che continuano a segnalare cautela e con ogni probabilità cambiamenti strutturali. L’equity USA, per esempio, ha largamente sovraperformato quello del resto del mondo, grazie soprattutto alla forte esposizione sui settori tecnologico e sanitario che sono considerati due “vincenti” strutturali dello shock da pandemia. In gran parte per lo stesso motivo gli stili “Growth” e “Quality” hanno sovraperformato quello “Value” e le large caps hanno sovraperformato le small caps. Inoltre i rendimenti dei titoli di Stato sono rimasti poco lontani dai minimi della correzione, i beni rifugio come US$, CHF, JPY e oro sono a livelli nettamente più alti rispetto a febbraio ed alcuni asset altamente ciclici come le commodities (eccetto l’oro) e le valute Emergenti sono ancora intorno ai minimi di marzo.
Nel frattempo, il flusso di dati macroeconomici conferma le aspettative che la recessione da pandemia sarà una delle profonde della storia moderna, in linea con la Seconda Guerra Mondiale o la Grande Depressione ed eclissando quella del 2008-2009. I dati sull’andamento del PIL del primo trimestre già pubblicati sono in linea con una contrazione dell’economia globale del 12% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente e nel secondo trimestre è attesa un’altra contrazione nell’ordine del 25%. I dati catastrofici di aprile come gli indici PMI ed il report sul mercato del lavoro americano confermano che il minimo della recessione è stato con ogni probabilità raggiunto in questo mese, quando tutti i Paesi Sviluppati e gran parte degli Emergenti sono entrati in qualche forma di “lockdown” e anche se l’economia cinese stava già rimbalzando. La caratteristica unica di questa recessione è che il ribasso è guidato dal settore dei servizi, che generalmente agisce da stabilizzatore rispetto al più volatile settore manifatturiero ma che ora è invece colpito molto più duramente dalle misure di contenimento dell’epidemia.
Il focus dei mercati è tuttavia sulla Fase 2, quella del rilassamento delle misure di contenimento dell’epidemia, che è già ben avviata in alcuni Paesi asiatici, come Cina, Taiwan e Corea del Sud, che sono stati eccezionalmente efficienti nel contenere il contagio e dove le restrizioni alle attività economiche sono state sostanzialmente rimosse. E’ invece appena iniziata in Europa e USA, mentre dista ancora diverse settimane in Gran Bretagna e in alcuni Paesi Emergenti come India, Russia e Brasile.


Torna all'archivio Report mensile sui mercati Stampa
BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Disclaimer

Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento hanno finalità promozionale e non sono da intendersi come ricerca in materia di investimenti ai sensi degli artt. 27-28 del Regolamento della Banca d'Italia e della Consob (cd Regolamento Congiunto) né mira a fornire raccomandazioni di cui agli artt. 69 e seguenti del Regolamento 11971/99 e successive modifiche.
Il documento non fornisce raccomandazioni personalizzate riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Le informazioni contenute non costituiscono proposta di vendita o invito ad operare e non si rivolgono ad alcun soggetto specifico. Le informazioni sono state elaborate da Banca Intermobiliare sulla base di fonti ritenute attendibili ma della cui accuratezza e completezza Banca Intermobiliare non può essere ritenuta responsabile. Le informazioni fornite sono valide esclusivamente con riferimento alla data nella quale sono state prodotte. Occorre pertanto verificare le informazioni prima di agire in seguito alle stesse.

BIM declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nei documenti.

Le informazioni devono essere usate soltanto per scopi informativi privati del lettore e non costituiscono un'analisi di tutte le questioni trattabili. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l'investitore dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.

È consentito scaricare sul proprio computer i report o le informazioni in esso contenute e stamparne copia esclusivamente per uso personale e non commerciale, a condizione che non siano alterate le avvertenze relative a marchi commerciali o altri diritti proprietari. È vietato trasferire, trascrivere, distribuire o riprodurre le informazioni o creare un link al sito senza il preventivo accordo di Banca Intermobiliare S.p.a.

Ogni forma di alterazione, parziale o integrale, è da ritenersi vietata.

Confermo di avere letto il disclaimer