BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.
SERVIZI ON LINE Online Banking Impresa Pass

Report settimanale sui mercati

28 ottobre 2015

Report settimanale sui mercati - 27 ottobre 2015

Il Punto

A 8 anni dall’avvio del ribasso dei tassi da parte della FED, le Banche Centrali restano il principale punto di riferimento dei mercati, che infatti tendono ad entrare in confusione quando la comunicazione dei banchieri centrali perde di chiarezza, come verificatosi più volte negli ultimi mesi in occasione degli interventi dei membri della FED.
Per il momento è sicuramente chiaro il messaggio che continua ad essere inviato da Mario Draghi: in occasione della riunione di giovedì scorso il Presidente della BCE ha chiaramente aperto alla possibilità di ulteriori interventi di politica monetaria in occasione del prossimo meeting del 3 dicembre, con dichiarazioni decisamente più dovish delle aspettative.
Gli interventi più probabili sono un’estensione del programma di QE oltre il settembre 2016 ed un ulteriore taglio di 10 bps del tasso di deposito delle banche presso la BCE, portandolo a -0.30%.
Vanno in questa direzione le dichiarazioni di Draghi secondo cui il tasso di deposito non ha necessariamente raggiunto il livello minimo e lo stesso comunicato della BCE che ha ancora una volta sottolineato come il programma di QE sia sufficientemente flessibile nelle dimensioni, composizione e durata.
A distanza di poche ore dall’intervento di Draghi, anche la PBoC ha dato il suo contributo sul fronte delle politiche monetarie espansive, con un ulteriore taglio dei tassi (il sesto da novembre dell’anno scorso) e la riduzione del coefficiente di riserva obbligatoria imposto agli istituti di credito.
A questo punto acquista ancora maggiore rilevanza il FOMC che si concluderà domani: va detto che considerata la differente fase del ciclo dell’economia europea rispetto a quella americana, la Yellen si trova in una posizione decisamente più scomoda rispetto a Draghi. E’ pertanto probabile che ancora una volta il suo messaggio non possa essere così chiaro: da un lato le condizioni dell’economia non giustificherebbero un atteggiamento troppo “dovish”, dall’altro l’atteggiamento delle altre Banche Centrali ed il recente rafforzamento del Dollaro le impediscono un approccio particolarmente “hawkish”. Al momento i futures sui Fed Funds stanno prezzando un nulla di fatto domani, una bassa probabilità di rialzo dei tassi nel meeting di dicembre e bisogna arrivare alla scadenza di marzo 2016 per avere una probabilità di rialzo dei tassi superiore al 50%.

Prosegui la lettura del Report settimanale sui mercati - 27 ottobre 2015SCARICA >
Torna all'archivio Report settimanale sui mercati
BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Disclaimer

Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento hanno finalità promozionale e non sono da intendersi come ricerca in materia di investimenti ai sensi degli artt. 27-28 del Regolamento della Banca d'Italia e della Consob (cd Regolamento Congiunto) né mira a fornire raccomandazioni di cui agli artt. 69 e seguenti del Regolamento 11971/99 e successive modifiche.
Il documento non fornisce raccomandazioni personalizzate riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Le informazioni contenute non costituiscono proposta di vendita o invito ad operare e non si rivolgono ad alcun soggetto specifico. Le informazioni sono state elaborate da Banca Intermobiliare sulla base di fonti ritenute attendibili ma della cui accuratezza e completezza Banca Intermobiliare non può essere ritenuta responsabile. Le informazioni fornite sono valide esclusivamente con riferimento alla data nella quale sono state prodotte. Occorre pertanto verificare le informazioni prima di agire in seguito alle stesse.

BIM declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nei documenti.

Le informazioni devono essere usate soltanto per scopi informativi privati del lettore e non costituiscono un'analisi di tutte le questioni trattabili. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l'investitore dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.

È consentito scaricare sul proprio computer i report o le informazioni in esso contenute e stamparne copia esclusivamente per uso personale e non commerciale, a condizione che non siano alterate le avvertenze relative a marchi commerciali o altri diritti proprietari. È vietato trasferire, trascrivere, distribuire o riprodurre le informazioni o creare un link al sito senza il preventivo accordo di Banca Intermobiliare S.p.a.

Ogni forma di alterazione, parziale o integrale, è da ritenersi vietata.

Confermo di avere letto il disclaimer