BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.
SERVIZI ON LINE Online Banking Impresa Pass

Report settimanale sui mercati

21 dicembre 2016

Report settimanale sui mercati - 20 dicembre 2016

Il Punto

La prospettiva di un nuovo scenario macroeconomico di crescita più forte, inflazione più alta e politica monetaria più restrittiva dopo la vittoria elettorale di Trump sembra essersi fatta strada fino alla Federal Reserve. Nel meeting della scorsa settimana il tasso di riferimento è stato aumentato di 25 punti base, come ormai ampiamente scontato, ma la Banca Centrale USA ha colto di sorpresa i mercati segnalando un percorso più ripido di rialzo dei tassi per il 2017 (i famosi “dots”), con 3 rialzi da 25 punti base rispetto ai 2 precedenti, il primo aumento negli ultimi 2 anni. Anche se la Governatrice Yellen ha cercato di sminuire l’importanza di questa variazione, ha comunque ammesso che la Fed è stata mossa principalmente dalla discesa più rapida delle attese del tasso di disoccupazione e che alcuni membri del comitato hanno tenuto conto del rischio di una linea di politica fiscale più espansiva sotto la nuova Amministrazione Trump.
Sul fronte dell’economia USA, i dati relativi all’attività reale, come vendite al dettaglio, produzione industriale o ordinativi aziendali, non sono per la verità uniformemente positivi ed anzi sembrano puntare ad una moderazione della crescita verso il 2/2,5% su base annua per il quarto trimestre (da +3,5% stimato per il terzo trimestre). Gli indicatori di fiducia, invece, segnalano un vero e proprio boom in quasi tutti i settori, sia a livello di imprese che di consumatori, come se gli agenti economici stessero rispondendo in modo entusiastico alla prospettiva di un cambio di politica economica (in particolare tagli delle imposte e deregolamentazione). Sulla base dell’esperienza storica e della teoria economica, non è infrequente che le aspettative si autoavverino e pertanto uno shock positivo di fiducia crea rischi al rialzo per la crescita americana già per il primo semestre 2017, prima che le misure concrete di stimolo fiscale entrino in azione (secondo semestre 2017 per il taglio delle imposte e 2018 per la spesa infrastrutturale).
La Fed più “hawkish” del previsto ed il flusso di dati macroeconomici sta sostenendo alcuni dei trend principali emersi dopo l’elezione di Trump, con alcune varianti. Sul mercato obbligazionario, la decisione della Fed ha spinto il rendimento dei Treasuries USA al rialzo di altri 10 bp ma a differenza delle settimane precedenti, il movimento sembra guidato più dal tasso reale (che riflette le aspettative di crescita economica) che dalle aspettative di inflazione. Con un percorso più ripido di rialzi la Fed sembra infatti segnalare di non voler accomodare troppo il surriscaldamento dell’economia, che sarà conseguenza probabile delle politiche di Trump, e che pertanto risponderà con rialzi dei tassi più aggressivi ad un eventuale aumento più rapido dell’inflazione.

Prosegui la lettura del Report settimanale sui mercati - 20 dicembre 2016SCARICA >
Torna all'archivio Report settimanale sui mercati
BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.

Disclaimer

Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento hanno finalità promozionale e non sono da intendersi come ricerca in materia di investimenti ai sensi degli artt. 27-28 del Regolamento della Banca d'Italia e della Consob (cd Regolamento Congiunto) né mira a fornire raccomandazioni di cui agli artt. 69 e seguenti del Regolamento 11971/99 e successive modifiche.
Il documento non fornisce raccomandazioni personalizzate riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Le informazioni contenute non costituiscono proposta di vendita o invito ad operare e non si rivolgono ad alcun soggetto specifico. Le informazioni sono state elaborate da Banca Intermobiliare sulla base di fonti ritenute attendibili ma della cui accuratezza e completezza Banca Intermobiliare non può essere ritenuta responsabile. Le informazioni fornite sono valide esclusivamente con riferimento alla data nella quale sono state prodotte. Occorre pertanto verificare le informazioni prima di agire in seguito alle stesse.

BIM declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite dirette o indirette derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nei documenti.

Le informazioni devono essere usate soltanto per scopi informativi privati del lettore e non costituiscono un'analisi di tutte le questioni trattabili. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l'investitore dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.

È consentito scaricare sul proprio computer i report o le informazioni in esso contenute e stamparne copia esclusivamente per uso personale e non commerciale, a condizione che non siano alterate le avvertenze relative a marchi commerciali o altri diritti proprietari. È vietato trasferire, trascrivere, distribuire o riprodurre le informazioni o creare un link al sito senza il preventivo accordo di Banca Intermobiliare S.p.a.

Ogni forma di alterazione, parziale o integrale, è da ritenersi vietata.

Confermo di avere letto il disclaimer