BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.
SERVIZI ON LINE Clarisbanca Impresa Pass

News

10 febbraio 2017

Comunicato Stampa 10/02/2017

Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva gli schemi di bilancio consolidato al 31.12.2016 e le linee guida del piano strategico di sviluppo:

• Risultato di periodo pari a -90,8 Milioni di Euro (-19,9 Milioni di Euro al 31.12.2015), determinato dalla volontà di superare l’eredità del passato con riferimento tra l’altro alla qualità del portafoglio crediti: rettifiche di valore nette su crediti per 88,7 Milioni di Euro e accantonamenti netti ai fondi per rischi ed oneri per 17,5 Milioni di Euro.

• Raccolta complessiva dalla clientela pari a 9,4 Miliardi di Euro (-22% a/a): confermato il posizionamento nel private banking di fascia alta.

• Nonostante gli oneri determinati dall’avvio della trasformazione strategica, rimane positivo il risultato della gestione operativa, pari a 2 Milioni di Euro (33,3 Milioni di Euro al 31.12.2015); confermata l’adeguatezza dei ratios patrimoniali: CET1 “Fully Phased” 11,76%; CET1 “Phased in” 11,37%; AT1 11,37% e Total Capital Ratio 11,55%.

• A seguito del rinnovo del CdA (ottobre 2016), avviata una profonda revisione del posizionamento e della strategia aziendale: già avviata l’implementazione di interventi di revisione e potenziamento dell’assetto manageriale, azioni di derisking (incremento delle coperture dei crediti deteriorati, ulteriore riduzione delle esposizioni creditizie e del portafoglio titoli del banking book) e contenimento dei costi operativi.

• Il CdA di BIM, in coerenza con le sin qui prevedibili linee strategiche di Veneto Banca (come risultanti anche dal comunicato stampa pubblicato dalla Capogruppo in data odierna e reperibile sul sito internet www.venetobanca.it), ha definito le linee guida del piano strategico di sviluppo di BIM quale piattaforma di private banking di fascia alta, anche in una logica “stand alone”, soggetta ad autorizzazione di BCE, potenzialmente espandibile con aggregazioni. Il rilancio della Banca sarà perseguito mediante una nuova gestione del capitale in ottica capital light, cessione degli asset non strategici, razionalizzazione della struttura, reclutamento di private banker, innovazione tecnologica.

 

>> SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO

Torna all'archivio News Stampa