BANCA INTERMOBILIARE DI INVESTIMENTI E GESTIONI S.p.A.
SERVIZI ON LINE Clarisbanca Impresa Pass

News

28 maggio 2012

Bim Suisse - Lune Erranti

Main sponsor Assemblea Annuale Gruppo Giovani Imprenditori Varese

"Lune Erranti"
Presso la sede di BimSuisse a Lugano, Due Artisti in Mostra Personale: Maria Conserva e Giuseppe Colucci

Maria Conserva

E’ la luna, bianca, perlacea, svanente o rosseggiante, passionale, sanguigna come un’arancia, che occhieggia e campeggia da lontano. Lusingatrice, avvitante, feconda, in foschie cromatiche e implosioni tinteggiate, in chiarori sbigottenti o nella penombra stordente. La ravvisa così l’artista, in un’allegoria che elegge ed incentra nel solco d’un proposito precorritore: l’ineffabile peregrinare.(D. Sodano).
Maria Conserva è riconosciuta dalla critica come artista raffinatissima, capace di unire alle indubbie qualità disegnative un dominio perfetto del colore. Le atmosfere dei suoi dipinti sono oniriche, fantastiche, i contorni sfumati e le immagini costruite attraverso linee morbide ma vibranti. Attraverso il suo personale linguaggio reinterpreta, ad esempio, la geometrizzazione delle nature morte di Cézanne, o ancora la scomposizione geometrica cubista. Non si può, quindi, non riconoscere, come già indicato da Vittorio Sgarbi la sua acquisizione della lezione Post-impressionista, quale punto di partenza del suo linguaggio. La sua attività espositiva la porta ad ottenere importanti riconoscimenti da parte del pubblico e dei critici tra i quali Vittorio Sgarbi, che si è occupato della presentazione e del testo critico per l’esposizione “Il viaggio” presso la Miniaci Art Gallery di Milano, nel 2006.
Michael Barazna Presidente dell’Accademia D’Arte Nazionale di Minsk (Bielorussia)connota lo stile di pittura di Maria Conserva carico di inflessione drammatica e misteriosità metafisica; l’artista, continua Barazna, può essere tenuta in gran considerazione non solo nella sua Patria ma anche in Belarus (Bielorussia) e in tutti i luoghi dove i conoscitori dell’arte pongono la giusta attenzione alla ricerca e all’innovazione. Recentemente il critico d’arte Ernesto Dorsi definisce l’arte di Maria Conserva “neofigurazione” in grado di conciliare la tecnica della figurazione italiana con soggetti innovativi.
Maria Conserva ha vinto il Premio Edisport e l’Arte Prima Edizione 2011-2012 per la categoria Vela e Motore in collaborazione con la galleria milanese Deodato Arte. Artista innovativa e dinamica espone in Europa e nel mondo e per questo sarà premiata il prossimo 14 luglio 2012 nell’ambito della prestigiosa rassegna d’arte internazionale Spoleto Festival Art. Cataloghi e testi critici visionabili in Galleria BIM .

Maria Conserva - Luna errante

Maria Conserva - Terre

 

Giuseppe Colucci

Tecnica inedita, stile ricercato, prammatico, avveniristico, nel quale frementi rivelazioni dell’io s’inalveano nelle più streganti espansioni del sentimento. Palese l’esito incoercibile di un metonimico approccio del simbolismo in Colucci! Vigore, audacia, pudicizia, procacità, sfida, proibizione e desiderio ispirano e chiariscono un linguaggio, che mixa natura e umanità, una modalità di espressione che esplicita un effettivo “eros” d’autore. Pochi colori guida; accostamenti audaci, arditi, sbraciati. Nulla di torbido o di ostentata sensualità ma l’epopea inebriante di un eros incantatore, aristocratico, nel quale seduzione ed emotività passionale convergono nella tenuità della grazia e dell’ambientazione magica della suggestione.(Domenico Sodano).
Per Giuseppe Colucci, il corpo è un enigma da esperire attraverso la contaminazione tra diverse tecniche per carpirne oltre all’immagine, la sostanza spirituale. L’artista non si limita a registrare la realtà, quanto piuttosto ad esplorarla per individuarne un singolo aspetto e proiettarlo in un contesto al di fuori del tempo e dello spazio. Opportunamente isolate e ritoccate con l’ausilio della tecnica, le informazioni visive si mostrano sublimate dalla loro oggettività e dotate di una nuova ricchezza semantica (Borghini).
Colucci è stato ed è fautore e parte attiva di molte mostre a carattere europeo e parteciperà nei prossimi mesi a mostre a carattere internazionale. Il critico d’arte Ernesto Dorsi definisce le opere dell’artista fotografo pugliese Giuseppe Colucci delle chicche da segnalare come opere per numerosi concorsi e testate giornalistiche.
L’Artista sarà premiato il prossimo 14 luglio nell’ambito dello Spoleto Festival Art rassegna artistica internazionale di altissimo livello.

Giuseppe Colucci - Luce interiore

 Per maggiori informazioni: http://www.bimsuisse.com/

Torna all'archivio News Stampa